Miglioramenti con il Dr Durtnall

Generale - generaleg@hotmail.com

Aggiornato 2011-06-19

In ottobre 2009, in seguito a una caduta, ho urtato con il coccige lo spigolo di un marciapiede. Non ho avvertito un dolore intenso al momento, ma il giorno dopo ho realizzato che non riuscivo a guidare il mio scooter. Il dolore è diminuito nei giorni successivi e ho pensato che, come molto spesso accade, anche questo problema si sarebbe risolto da solo. In pratica avvertivo un fastidio in scooter e talvolta dopo una giornata seduto alla mia scrivania. Non avevo alcun problema svolgendo qualsiasi altra attività e nemmeno facendo sport. Fino a marzo 2010 non l'ho considerato un problema serio.

In marzo 2010, in seguito ad un volo di 4 ore, ho avvertito il fastidio peggiorare e tramutarsi in dolore. Il problema non è migliorato nei giorni successivi e ho iniziato a considerarlo come un problema da affrontare attivamente.

Nel periodo marzo 2010 – agosto 2010 il problema ha continuato a peggiorare. In questo periodo:

  1. Ho assunto antinfiammatori per 10 giorni senza risultati permanenti.
  2. Ho effettuato una radiografia che ha evidenziato una sublussazione del coccige. Tuttavia gli ortopedici a cui mi sono rivolto non avevano idea di come procedere, limitandosi a prescrivere antinfiammatori e consigliando di aspettare.
  3. Ho effettuato 10 sedute di TECAR senza alcun risultato. Le sessioni erano dolorose e il peggioramento è continuato.
  4. Dopo essere stato visitato da uno dei più conosciuti ortopedici di Milano mi era stata consigliato di procedere con delle infiltrazioni di cortisone nel coccige. Dopo essermi accuratamente informato ho realizzato che tale soluzione sarebbe stata temporanea perché le infiltrazioni non portano ad una risoluzione permanente del problema, avendo esclusivamente una validità nel determinare se il paziente potrebbe essere un candidato per una coccigectomia. Rifiutai le infiltrazioni.
  5. Mi sono rivolto ad un chiropratico che mi assicurò che il problema era noto e si sarebbe risolto dopo tre sedute di manipolazione interna. Sfortunatamente non diedero alcun effetto.

Per fare il quadro, in agosto 2010:

  1. Non potevo guidare lo scooter senza un'apposita sella da me creata da appoggiare sopra al sellino.
  2. Non potevo sedere su una sedia o su un divano senza appositi cuscini.
  3. Non potevo guidare senza appositi cuscini.
  4. Dovevo portare sempre con me un apposito cuscino per quando mi trovavo a sedermi, anche fuori casa.
  5. I diversi cuscini che stavo usando contribuivano a crearmi problemi di postura e conseguente lombalgia.

In settembre 2010, ho deciso di recarmi a Londra per vedere Dr Durtnall, un chiropratico specializzato in problemi di coccige che ebbi la fortuna di trovare attraverso il sito www.coccyx.org (Doctors and specialists in the UK). Incoraggiato dai risultati positivi che alcuni pazienti raccontavano nel sito speravo che potesse aiutare anche il mio caso. Una volta giunto nel suo studio Dr Durtnall ha effettuato una radiografia, identificato immediatamente il problema e mi ha spiegato che le manipolazioni interne non avevano avuto effetto per via del fatto che era passato del tempo e il coccige era praticamente fuso nella posizione sbagliata. Ha quindi proceduto con una manipolazione esterna al fine di provare a smuovere le due vertebre fuse insieme e restituire mobilità al coccige. Inoltre ha utilizzato l'agopuntura per rilassare la muscolatura intorno al coccige. Mi tranquillizzò sulla mia condizione (ero particolarmente preoccupato dai lenti ma inesorabili peggioramenti) e mi disse che, anche se non poteva garantire la guarigione al 100%, sicuramente sarei tornato a fare la vita che facevo prima dell'incidente. Probabilmente mi potevo attendere un miglioramento del 90% in un anno. Da allora ho visto Dr Durtnall per quattro volte e posso dire che fin dalla prima visita la tendenza si è invertita: il mio problema migliorava. I miglioramenti erano lenti ma costanti, principalmente grazie agli esercizi da fare quotidianamente che Dr Durtnall mi aveva raccomandato di fare.

A oggi, giugno 2011:

  1. Posso sedere per una giornata intera su qualunque sedia se davanti ho un tavolo su cui appoggiarmi. Se non c'è un tavolo e sono costretto a restare con il peso sullo schienale posso tranquillamente sedere per alcune ore (dipende dalla sedia), poi comincio ad avvertire un leggero fastidio.
  2. Ho guidato in macchina fino a 3-4 ore di seguito senza problemi.
  3. Posso guidare lo scooter per 30 minuti senza usare la sella speciale da me costruita, oltre mi da fastidio e sono costretto ad usarla. Spesso la uso anche per tragitti inferiori ai 30 minuti per non sforzare troppo il coccige.
  4. Posso andare in bicicletta per qualche minuto, non ho provato per periodi più lunghi.
  5. Posso restare seduto in aereo per 2-3 ore senza avvertire il minimo fastidio.

Devo dire che grazie a Dr Durtnall e alla sua esperienza in materia ora la mia vita è praticamente la stessa che avevo prima dell'incidente e le piccole differenze sono talmente impercettibili che spesso mi dimentico di avere un problema. Il mio consiglio, avendone le possibilità, è quello di prendere un appuntamento con Dr Durtnall il prima possibile. In base alla mia esperienza e in base alle informazioni che ho raccolto prima si affronta il problema migliori sono le possibilità di recupero. Purtroppo la maggior parte di Medici e Ortopedici non ha esperienza in merito e vi faranno solo perdere tempo prezioso.

Devo ringraziare Dr Durtnall anche per il suo approccio molto equilibrato e per avermi infuso fiducia sin dal primo momento.

Che cosa è la coccidinia? | Indagini e diagnosi | Terapie | Trovare un medico o uno specialista

Pubblicazioni scientifiche | Esperienze personali